Modelli organizzativi per la gestione della Day surgery in ambito pediatrico (DSP)


Abstract


Obiettivi: nell’ambito delle iniziative avviate negli ultimi anni a livello nazionale e regionale volte al recupero di appropriatezza nell’erogazione di prestazioni sanitarie mediante la deospedalizzazione dei pazienti, si inserisce l’indicazione del PO Materno-infantile 1998-2000, tra gli obiettivi relativi alla assistenza al bambino in ospedale, “all’applicazione di protocolli mirati a ridurre i ricoveri impropri attraverso l’implementazione del DH…”. Al fine di valutare la situazione attualmente esistente in tema di DSP e di promuovere una omogeneizzazione, mediante la definizione e la sperimentazione di un protocollo operativo specifico, il Ministero della Salute ha affidato all’OPBG il coordinamento del Progetto “Sviluppo dei criteri e modelli di riferimento per la diffusione della day surgery in campo pediatrico”. Nell’ambito del Progetto è stato effettuato un censimento dei modelli di DSP esistenti sul territorio nazionale.

Metodologia: è stato individuato un campione di 108 ospedali che, nel 2000, hanno dimesso almeno 500 pazienti di età inferiore a 18 anni attribuiti a DRG chirurgici e che rendono conto del 52,2% dell’attività svolta in chirurgia pediatrica sul territorio nazionale. La scheda di rilevazione predisposta conteneva domande finalizzate a individuare le principali soluzioni organizzative adottate per l’erogazione di ricoveri in DSP e a delineare la casistica trattata.

Risultati: alla rilevazione (settembre 2002-gennaio 2003) hanno partecipato 88 ospedali (81,5% del campione), di cui 49 effettuano prestazioni in DSP. I risultati indicano una discreta variabilità dei modelli organizzativi della DSP e una elevata concentrazione della casistica trattata: i 10 DRG più frequentemente trattati spiegano oltre l’80% dei casi di DSP.

Conclusioni: i risultati ottenuti dimostrano come in Italia esistano ancora ampi margini per incrementare il ricorso alla DSP, (in media la casistica pediatrica chirurgica trattata in DSP è risultata pari al 23%, variabile tra il 29% e il 17%) anche mediante la diffusione di criteri specifici per l’organizzazione del percorso assistenziale e la selezione delle procedure eseguibili in DSP.




NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8341

DOI: https://doi.org/10.2427/6206

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok