L'influenza delle caratteristiche cliniche e degli stili di vita nel trattamento delle patologie cardiovascolari. L'esperienza dell'Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino


Abstract


Obiettivo: valutare come le caratteristiche cliniche e gli stili di vita influiscano sulle modalità di gestione delle patologie cardiovascolari, in relazione alla ricezione e/o negazione di interventi cardiovascolari a soggetti anziani. Metodi: lo studio, retrospettivo (Aprile 1996 - Marzo 1997), si è avvalso di uno strumento validato dallo studio ARPIC. Il campione di 386 pazienti è stato selezionato in modo casuale.

Risultati: l’8,3% dei pazienti è stato sottoposto a intervento di Bypass (CABG), il 12,5% a intervento di Angioplastica (PTCA), il 6,5% a impianto di Pacemaker (PPM) e il 3,1% è stato sottoposto a trombolisi. La sopravvivenza dei pazienti trattati è stata superiore al 95%. È stato calcolato il Rischio Relativo (RR) per alcune comorbidità: il ricorso alla CABG è 2,9 volte maggiore nei pazienti con ipertensione rispetto ai pazienti senza ipertensione (RR 2,93 - IC 95% 1,18 – 7,25), dello 87% minore nei pazienti con NIDDM rispetto ai non diabetici (RR 0,13 - IC95% 0,02-0,34), del 99,94% minore nei pazienti con shock cardiogenico rispetto a quelli senza shock (RR 0,06 - IC95% 0,01- 0,46) e del 40% in più nei fumatori rispetto ai non fumatori (RR 1,40 - IC95% 0,73-2,69). Il ricorso alla PTCA è del 64% minore nei pazienti con difetti strutturali cardiaci rispetto a chi non li presenta (RR 0,36 IC95% 0,19-0,69), dell’ 81% minore nei pazienti con shock cardiogenico rispetto a quelli senza shock (RR 0,19 - IC95% 0,07-0,52) e 1,8 volte maggiore nei fumatori rispetto ai non fumatori (RR 1,85 - IC95% 0,95-3,59). Relativamente alla trombolisi il RR all’ipertensione è 0,34 (IC95% 0,14 - 0,84), cioè il 66% maggiore nei pazienti senza ipertensione. Il ricorso al PPM è 2,5 volte maggiore nei pazienti obesi rispetto ai pazienti non obesi (RR 2,59 - IC95% 1,10-6,12). Conclusioni: i risultati sopra riportati evidenziano che esistono differenze statisticamente significative circa il ricorso alle procedure cardiologiche considerate, presso l’ASO S.G. Battista di Torino, per quanto riguarda le comorbidità analizzate.




DOI: https://doi.org/10.2427/6172

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8307

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok