Epidemiologia molecolare di Acinetobacter baumannii in un reparto di terapia intensiva con la comparsa della resistenza ai carbapenemici


Abstract


L’epidemiologia molecolare delle infezioni da Acinetobacter baumannii nel reparto di terapia intensiva dell’A.U.P. “Federico II” di Napoli è stato studiata in due periodi finestra, da Maggio 1999 a Dicembre 2000 e da Gennaio a Dicembre 2002. L’analisi genotipica degli isolati clinici di A. baumannii da 131 pazienti effettuata mediante elettroforesi su gel a campo pulsante (PFGE) ha identificato 9 differenti genotipi.

Due di essi, i cloni B ed I, predominavano sugli altri ed erano isolati sequenzialmente nel corso delle due epidemie, essendo il clone B responsabile di 67 colonizzazioni e di 14 infezioni, il clone I di 5 colonizzazioni e di 38 infezioni. Inoltre, i due cloni epidemici di A. baumannii mostravano un antibiotipo particolarmente aggressivo, essendo resistenti a tutti gli antimicrobici analizzati, con l’eccezione dei carbapenemici per il clone B e per l’ampicillina-sulbactam e la gentamicina per il clone I.

L’analisi mediante reazione a catena della polimerasi (PCR) mostrava la presenza di due integroni di 2500 and 2200 basi nel genoma dei due cloni epidemici B ed I, rispettivamente, ma non in quello dei cloni sporadici. La sequenza nucleotidica dell’integrone del clone B mostrava quattro cassette geniche: aacC1, che codifica per la resistenza alla gentamicina, due regioni codificanti per proteine non note, ed il gene aadA1a, che codifica per la resistenza alla spectinomicina ed alla streptomicina.

L’analisi nucleotidica dell’ integrone del clone I mostrava, invece, tre cassette geniche: il gene aacA4, che codifica per la resistenza all’ amikacina, alla netilmicina eed alla tobramicina, una regione codificante per una proteina non nota, ed il gene blaoxa-20, che codifica per una cabapamenasi di classe D. La presenza nei due cloni epidemici di due integroni contenenti diversi geni di resistenza agli amminoglicosidi ed una carbapamenasi di classe D è stata correlata con l’uso elevato nel reparto di amminoglicosidi e carbapenemici.




DOI: https://doi.org/10.2427/6070

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8194

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it (Read more).
Ok