L'influenza delle caratteristiche cliniche e degli stili di vita nel trattamento delle patologie cardiovascolari. L'esperienza dell'Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino


Abstract


Obiettivo: valutare come le caratteristiche cliniche e gli stili di vita influiscano sulle modalità di gestione delle patologie cardiovascolari, in relazione alla ricezione e/o negazione di interventi cardiovascolari a soggetti anziani. Metodi: lo studio, retrospettivo (Aprile 1996 - Marzo 1997), si è avvalso di uno strumento validato dallo studio ARPIC. Il campione di 386 pazienti è stato selezionato in modo casuale.

Risultati: l’8,3% dei pazienti è stato sottoposto a intervento di Bypass (CABG), il 12,5% a intervento di Angioplastica (PTCA), il 6,5% a impianto di Pacemaker (PPM) e il 3,1% è stato sottoposto a trombolisi. La sopravvivenza dei pazienti trattati è stata superiore al 95%. È stato calcolato il Rischio Relativo (RR) per alcune comorbidità: il ricorso alla CABG è 2,9 volte maggiore nei pazienti con ipertensione rispetto ai pazienti senza ipertensione (RR 2,93 - IC 95% 1,18 – 7,25), dello 87% minore nei pazienti con NIDDM rispetto ai non diabetici (RR 0,13 - IC95% 0,02-0,34), del 99,94% minore nei pazienti con shock cardiogenico rispetto a quelli senza shock (RR 0,06 - IC95% 0,01- 0,46) e del 40% in più nei fumatori rispetto ai non fumatori (RR 1,40 - IC95% 0,73-2,69). Il ricorso alla PTCA è del 64% minore nei pazienti con difetti strutturali cardiaci rispetto a chi non li presenta (RR 0,36 IC95% 0,19-0,69), dell’ 81% minore nei pazienti con shock cardiogenico rispetto a quelli senza shock (RR 0,19 - IC95% 0,07-0,52) e 1,8 volte maggiore nei fumatori rispetto ai non fumatori (RR 1,85 - IC95% 0,95-3,59). Relativamente alla trombolisi il RR all’ipertensione è 0,34 (IC95% 0,14 - 0,84), cioè il 66% maggiore nei pazienti senza ipertensione. Il ricorso al PPM è 2,5 volte maggiore nei pazienti obesi rispetto ai pazienti non obesi (RR 2,59 - IC95% 1,10-6,12). Conclusioni: i risultati sopra riportati evidenziano che esistono differenze statisticamente significative circa il ricorso alle procedure cardiologiche considerate, presso l’ASO S.G. Battista di Torino, per quanto riguarda le comorbidità analizzate.




NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8307

DOI: http://dx.doi.org/10.2427/6172

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.