Studio sull´appropriatezza delle richieste di consulenza dermatologica in Pronto Soccorso


Abstract


Obiettivi: quantificare i livelli di inappropriatezza delle richieste di consulenza dermatologica definendone l’impatto economico ed identificandone i determinanti.

Metodi: è stata condotta un’indagine censuale riguardante gli accessi per patologia dermatologica presso il DEA dell’ASO di Novara. I criteri utilizzati per la definizione del livello di appropriatezza delle richieste di consulenza sono stati il codice di triage e il giudizio di un team di osservatori medici. La valutazione dei livelli di variabilità diagnostica è stata effettuata mediante il calcolo della concordanza tra diagnosi del pronto soccorso e del dermatologo, utilizzando come misure sensibilità, valore predittivo e K di Cohen. La valutazione economica è stata effettuata utilizzando la metodologia dell’Activity Based Costing. Risultati: sono state acquisite e valutate 1750 richieste di consulenza. Le richieste sono risultate inappropriate nell’87,64% dei casi. L’analisi economica ha permesso di quantificare in circa ¤9 ad accesso l’impegno sostenuto dall’azienda per ogni consulenza prestata; il costo complessivo delle prestazioni erogate è risultato pari a ¤12340,5. I livelli di concordanza sono risultati generalmente bassi, e il 40,88% delle diagnosi non concordanti era attribuibile ad errore diagnostico grave. L’inappropriatezza della prestazione è risultata condizionata dalla diagnosi e dal momento dell’accesso: eczema ed orticaria aumentano di 45 e 15 volte il rischio di inappropriatezza, mentre l’accesso in fascia oraria notturna dimezza tale rischio e l’ustione lo diminuisce di circa 5 volte.

Conclusioni: I determinanti degli elevati livelli di inappropriatezza delle richieste di consulenza osservati sono stati individuati nell’insufficiente azione di filtro dei MMG, nelle richieste incongrue da parte dell’utenza e nell’incertezza professionale dei medici di PS; in particolare quest’ultima ipotesi trova riscontro nei risultati dell’analisi della concordanza diagnostica. L’impatto economico delle prestazioni inappropriate è stato relativamente contenuto. Gli interventi ipotizzabili necessitano di un approccio articolato, clinico ed organizzativo; in particolare potrebbe risultare utile l’introduzione della teledermatologia a livello territoriale.




NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8294

DOI: http://dx.doi.org/10.2427/6163

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.