Attivitá di prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere nell'azienda ospedaliera nell’azienda ospedaliera “G. Panico” di Tricase


Abstract


Obiettivo: nell’ambito di programmi di prevenzione
e controllo delle infezioni ospedaliere (IO) la
Direzione Sanitaria dell’Azienda Ospedaliera
“Card. G. Panico” di Tricase ha pianificato studi di
prevalenza per valutarne la frequenza e l’andamento.
Si riportano i risultati di tre indagini realizzate
negli anni 2001, 2002 e 2003 secondo la
metodica del “one day study” (CDC 1988).

Metodi: i tre studi di prevalenza sono stati condotti a
circa un anno di distanza l’uno dall’altro. Sono stati
compresi tutti i pazienti ricoverati in ciascun reparto
il giorno dell’indagine, ad esclusione di quelli in
dimissione. Si sono definite ospedaliere tutte le infezioni
che insorgevano 48 ore dopo il ricovero.

Risultati: nel corso delle tre indagini la prevalenza
delle IO è stata pari al 6.6% (14 casi su 213 pazienti),
nel 2001, al 5.1% (11 casi su 214 pazienti) nel 2002 e
al 4.3% (11 casi su 254 pazienti) nel 2003. Il tratto urinario
(36.4% nel 2002 e 2003) e le basse vie respiratorie
(50.0% nel 2001, 9.1% nel 2002 e 2003) hanno
rappresentato le sedi più comuni di localizzazione delle IO. La riduzione al 9.1% delle infezioni delle basse vie respiratorie si è registrata prevalentemente nelle Unità di Medicina e Cardiologia. Nel 2001 e 2002, l’uso di catetere vescicale, l’intervento di tipo contaminato o pulito contaminato, la ventilazione assistita e l’utilizzo di catetere venoso centrale sono risultati significativamente associati alla insorgenza di IO. Tale associazione nel 2003 si è dimostrata significativa per l’uso del catetere venoso ombelicale.

Considerazioni: l’applicazione di appropriati protocolli assistenziali, l’individuazione dei punti critici dei processi di cura e l’introduzione di procedure di autocontrollo hanno determinato una riduzione della prevalenza di IO, passando dal 6.6% del 2001 al 4.3% nel 2003. Il risultato è incoraggiante anche in considerazione dell’attivazione dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale nell’anno 2003.




NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8207

DOI: http://dx.doi.org/10.2427/6084

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.