Criteri per l'inserimento di nuovi vaccini nei programmi d'immunizzazione della collettivitá


Abstract


I progressi nel campo dell’epidemiologia, delle conoscenze sulla patogenesi delle malattie infettive, dell’immunologia e della biologia molecolare rendono particolarmente fervido d’applicazioni e quindi di potenziali e reali miglioramenti l’utilizzo delle vaccinazioni.

Attualmente, gli Istituti vaccino-produttori mettono a disposizione nuovi vaccini. Ne deriva la necessità di migliorare le strategie vaccinali. Senza dubbio le conoscenze epidemiologiche stanno alla base di qualsiasi intervento preventivo, perché definiscono le dimensioni del danno che la malattia arreca alla comunità.

La conoscenza epidemiologica implica una continua sorveglianza degli eventi sanitari. Purtroppo, nel nostro Paese, talora, l’impatto di determinate patologie non è ben definito. Ne consegue che soluzioni adottate in altre realtà epidemiologiche sono trasferite in Italia, ove potrebbe essere meglio dedicare risorse ad altre esigenze di salute. Così, non è la Sanità Pubblica a condizionare le scelte strategiche degli Istituti vaccino-produttori, ma viceversa.

L’adeguatezza delle procedure diagnostiche, il miglioramento dei sistemi informativi ed un maggiore e razionale ricorso ai sistemi informatizzati potrebbero migliorare le cose


Full Text:

PDF


NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aprex-8156

DOI: http://dx.doi.org/10.2427/6043

References



Refbacks

  • There are currently no refbacks.